Dolci

Un dolce nobile e prezioso, la frutta Martorana detta altrimenti “pasta reale”. Ricetta

Frutta Martorana – Foto di CustonaciWeb

Una volta, la produzione dei dolci, che era quasi del tutto appannaggio dei monasteri, avveniva in occasione di visite di illustri personaggi ecclesiastici o per la vendita, attraverso la “ruota”, il cui ricavato serviva per il sostentamento del monastero stesso.

Frutta Martorana

L'invenzione dell'ormai famosissima frutta martorana si fa risalire alle monache del Monastero della Martorana di Palermo, da cui prende il nome. Si racconta che le monache, aspettando la visita dell’arcivescovo, si accorsero che il loro giardino, famoso per essere splendido e florido, era spoglio e triste perché i frutti dell'estate erano già stati raccolti. Allora si adoperarono per ridare al giardino quell'aspetto per cui era famoso e, attraverso la pasta di mandorle, crearono tanti frutti, così perfetti da addobbare gli alberi spogli e rendere il giardino allegro e pieno di colori tanto da sbalordire l’illustre ospite.
Preparazione 2 h 45 min
Cottura 15 min
Asciugatura 4 d
Tempo totale 4 d 3 h
Portata Dolci
Cucina Siciliana

Ingredienti
  

Per l'impasto

  • 250 g di acqua
  • Un kg di zucchero a velo
  • Un kg di mandorle macinate
  • 100 g di glucosio
  • 6 gocce di aroma di cannella
  • 4 gocce di aroma di mandorla amara
  • 4 gocce di aroma di vaniglia

Per decorare

  • Q.b. colori per alimenti
  • Q.b. gomma lacca alimentare
  • Q.b. zucchero a velo

Istruzioni
 

  • Mettete a scaldare una pentola con l'acqua, aggiungete lo zucchero e il glucosio. Girate continuamente finchè si è sciolto lo zucchero e spegnete.
  • Versate dentro tale sciroppo le mandorle macinate, l'essenza di mandorla, di vaniglia e di cannella. Mescolate e versate il composto ottenuto, in una pranetaria e lavoratelo finchè non si raffreddi. Una volta raffreddato lasciatelo riposare per 24 ore. Trascorso tale tempo, riprendete la pasta di mandorle e impastatela su una spianatoia.
  • Lavorate per una decina di minuti in modo da renderla più morbida e malleabile e cominciate a creare le forme desiderate.
  • Se siete artisti e avete il bernoccolo dello scultore, create i vostri dolci a mano. Oggi con l'aiuto delle giuste formelle farete delle vere e proprie paste reali!
  • Ecco come procedere: inserite nelle forme la pellicola che vi agevolerà nella fuoriuscita della creazione. Con una porzione di impasto riempitene lo spazio; pressate bene in modo da non lasciare spazi vuoti e richiudete. Il frutto sarà, in dimensione tridimensionale, verosomile all'originale. Adesso tirate il tutto fuori dalle formelle a lasciate aggiugare per almeno tre giorni.
  • Trascorso il tempo di asciugatura decorate colorando con i colori alimentari e inserendo tutti i particolari (foglie, piccioli, ecc.) che troverete in commercio, in negozi specializzati.
  • Sarete entusiasti delle vostre creazioni e avrete un prodotto genuino e fantastico.

Note

Dove acquistare i nostri libri di ricette?

Trovate le ricette di tanti altri piatti della tradizione all’interno della collana di libri “Ricette Siciliane” edita da CustonaciWeb. Il primo volume dal titolo: “I sapori della tradizione” lo trovate sia in versione cartacea cliccando qui che in versione eBook cliccando qui. Anche il secondo volume, “Profumi e sapori che emozionano”, è possibile acquistarlo in entrambe le versioni, cliccando qui per la classica versione cartacea oppure cliccando qui nel comodo e moderno formato eBook.
E’ disponibile su amazon anche “Ricette Siciliane –Storia, miti e territorio a tavola” sia in versione cartacea cliccando qui che in versione eBook cliccando qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Recipe Rating




Articoli relativi

Back to top button
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: