Pane e pizze

“La Pizza di Angela”, quella buona: a lunga lievitazione e alta digeribilità. Morbida e croccante

La Pizza di Angela

La mia pizza nasce lontano e, provando e riprovando, è diventata sempre più buona, a mio parere. La preparo con lievito di birra (solitamente divido un panetto di 25 g. in 8 parti e lo congelo). Se la programmo per il pranzo, preparo l'impasto la sera prima usando 3 grammi di lievito per una buona e abbondante pizza. La lievitazione lunga richiede meno lievito e il risultato è una pizza digeribile, buona dal primo boccone all'ultimo. E se ne avanza è buona anche fredda.
Preparazione 30 min
Cottura 10 min
Riposo 8 h
Portata Pane e Pizze
Cucina Italiana
Porzioni 1 persona

Ingredienti
  

  • 3 g di lievito di birra
  • 180 g di farina 00
  • 150 ml di acqua
  • 5 g di sale
  • Mezzo cucchiaino di zucchero
  • Q.b. olio evo
  • Q.b. cipolla
  • 4 Cucchiai di passata di pomodoro
  • Q.b. di origano
  • 1 cucchiaio di capperi
  • 4 acciughe sott'olio
  • 120 g di mozzarella

Istruzioni
 

  • Predispongo l’impasto nel tardo pomeriggio precedente, mettendo in una ciotola circa 3 grammi del lievito ancora congelato, una punta di zucchero (o due gocce di miele, per stimolare la golosità del microrganismo e metterlo in azione); stempero con una cucchiaiata di acqua a temperatura ambiente e due cucchiai di farina tipo 0.
  • Dopo aver sciolto bene il lievito e aver creato il primo mini impasto, aggiungo poco alla volta la farina e il resto dell’acqua, tenendone da parte un pochino. Completo l’impasto, aggiungo il sale con l'ultima quantità di acqua e infine verso qualche goccia d’olio che faccio assorbire delicatamente. Creo la palla, la metto in una ciotola infarinata, la copro con la pellicola e lascio lievitare magari in forno spento o copro con un canovaccio.
  • Dopo un paio d’ore, rimetto l’impasto sulla spianatoia e faccio, delicatamente, delle pieghe, più volte. Rifaccio la palla e la ripongo nella ciotola, coperta con pellicola e in frigo per la notte. Al mattino è così bella!
  • Una volta portata fuori dal frigo ripeto le operazioni delle pieghe e ricopro ancora la palla, fino al momento della preparazione vera e propria. Predispongo tutti gli ingredienti, rigorosamente nostrani, ove possibile!
  • Accendo il forno, in modalità statico, lo porto a 230 gradi e, in attesa che raggiunga la temperatura, stendo l'impasto e condisco la pizza: passata, origano, cipolla a fettine sottili sottili, acciughe sott’olio spezzettate, capperi dissalati, formaggio filante per pizza. (mi piace molto aggiungere il gorgonzola, ma è un mio vizietto).
  • A temperartura raggiunta, inserisco la pizza nella parte centrale e controllo, perché ogni forno dà delle risposte diverse; solitamente bastano 10/12 minuti.
  • Controllo che sia ben cotta anche alla base. Se occorre dò un colpo di griglia sotto. Mi piace morbida, cotta e croccante!

Note

Dove acquistare il nostro libro di ricette?

Trovate le ricette di tanti altri piatti della tradizione all’interno della collana di libri “Ricette Siciliane” edita da CustonaciWeb. Il primo volume dal titolo: “I sapori della tradizione” lo trovate sia in versione cartacea cliccando qui che in versione eBook cliccando qui . Anche il secondo volume, “Profumi e sapori che emozionano”, è possibile acquistarlo in entrambe le versioni, cliccando qui per la classica versione cartacea oppure cliccando qui nel comodo e moderno formato eBook.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Recipe Rating




Articoli relativi

Back to top button
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: