Tradizioni

Trapani. Sul gruppo sacro “l’Arresto” la fiaccola in memoria della strage di Pizzolungo

In pochi forse conoscono il grandissimo valore simbolico della fiaccola in argento tenuta in mano dal soldato che illumina il volto del Cristo nel gruppo sacro l’Arresto affidato al ceto dei metallurgici trapanesi. La fiaccola venne donata nel 1986 da Nunzio Asta in memoria della moglie Barbara Rizzo e dei suo due figli Giuseppe e Salvatore morti il 2 aprile 1985 nella terribile strage mafiosa di Pizzolungo.

La fiaccola della speranza” così viene chiamata, sta davanti la faccia del Cristo tradito a illuminare la storia affinché nessuno dimentichi quel tragico evento. E’ il faro della legalità che illumina le tenebre del male, la luce della speranza che rischiara dal buio questa terra tanto martoriata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli relativi

Back to top button
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: