Food

In pochi sanno che la Sicilia è terra di tartufi. Un’occasione di sviluppo da non sottovalutare

Quando si parla di tartufi non ci viene in mente la Sicilia, il nostro pensiero va alle regioni del nord Italia. Invece dobbiamo ricrederci: la Sicilia è terra di tartufi ma in pochi lo sanno. Queste ricchezze della nostra terra sono presenti tutto l’anno, ma tutto dipende dal clima e dalle piogge.

Tra i tartufi del Nord Italia e il tartufo siciliano non vi sono differenze sostanziali. Il nostro potrebbe essere addirittura più profumato, perché ci sono meno piogge e i profumi restano più concentrati. Questo prodotto può essere apprezzato crudo, condito “a carpaccio”, con olio e pepe. Ancora, nella pasta aglio e olio o come piace.

Foto di Grafvision – Shutterstock

Il tartufo potrebbe rappresentare un’occasione per dare una svolta all’economia siciliana. La regione Sicilia è stata sollecitata a stilare un disegno di legge che ponga le basi affinché l’attività di ricerca ed estrazione dei tartufi venga regolamentata. Solo così potrebbero partire attività per coinvolgere non solo il settore agroalimentare, ma anche quello turistico.

In Sicilia il tartufo è presente tutto l’anno e dipende dalle piogge, dalle temperature e dalle altitudini. Tutto questo dal punto di vista teorico; basta una stagione con scarse piogge o scirocco forte e il tutto non ha valore. A Capizzi, nel Messinese, ogni anno, alla fine del mese di ottobre si tiene una Sagra dedicata al Tartufo dei Nebrodi, con un ricco programma di degustazioni, spettacoli, mostre e momenti di approfondimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli relativi

Back to top button
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: