Storia

Ferdinandea: l’Isola al largo di Sciacca, sprofondata nel mare nel gennaio del 1832

L’Isola Ferdinandea è attualmente una piattaforma di roccia, 6 e 8 metri sotto la superficie del mare, tra la città di Sciacca e l’isola di Pantelleria.

L’isola Ferdinandea, dipinto di Camillo De Vito – Pubblico dominio – Wikimedia Commons (https://commons.wikimedia.org/wiki/File:L%27isola_Ferdinandea_-_Camillo_De_Vito.jpg)

Pare si tratti  della bocca di un vulcano sommerso che, di tanto in tanto, erutta e quindi emerge. E’ quello che è successo nel 1831, quando in pochi giorni si formò un’isola che crebbe fino ad una superficie di circa 4 km² e 65 m di altezza. Ma l’azione erosiva delle onde e la subsidenza dell’isola stessa, ossia il compattamento del materiale sotto il proprio peso fecero si che l’isola non ebbe vita lunga tanto da farla scomparire definitivamente sotto le onde del mare nel gennaio del 1832.

La sua scomparsa portò anche alla fine del problema sorto circa la sua sovranità: la rivendicavano infatti i francesi, gli inglesi, e gli italiani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli relativi

Back to top button
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: