Territorio

Erice: il fascino della funivia che vi porta in vetta e viceversa regalandovi un panorama da favola

Si iniziò a parlare di un collegamento teleferico Trapani-Erice sin dai primi decenni del XX° secolo. In quell’occasione sorse anche un comitato; venne elaborato un progetto ma si dovette aspettare la fine della seconda guerra mondiale perché venisse inserito tra le iniziative imprenditoriali dell’allora conte progettista e costruttore della funivia dell’Etna e della funivia dei Ghiacciai sul monte Bianco.

Funivia di Erice, panorama su Trapani e le Isole Egadi – Foto di dudlajzov – Stock.adobe.com

Si cominciò a costruire la funivia nella prima metà degli anni cinquanta e le cabine furono realizzate dal cantiere San Bernardino all’estrema periferia occidentale di Genova. Alla fine fu inaugurata nel 1956. Per la sua gestione il conte e ingegnere Lora Totino costituì la S.I.T.A.S. (che gestì anche la funivia dell’Etna) ma alla fine degli anni sessanta cedette tutto a un consorzio formato da Comune e Provincia di Trapani e dal Comune di Erice rinunciando alla convenzione a causa dell’impossibilità di ripianare i costi di gestione.

L’impianto, pur con frequenti sospensioni del servizio, rimase in attività e venne fermato verso l’inizio degli anni ottanta rimanendo chiuso per più di 20 anni. Ma più avanti si capì che era irrinunciabile l’esigenza della riattivazione della funivia. Furono banditi e commissionati progetti e preventivi per una nuova riapertura e messa in sicurezza dell’impianto. Venne scelto il progetto della Leitner di Vipiteno.

Dopo una lunga sosta la funivia “riparte”

Il tracciato riprendeva quello della vecchia funivia. La stazione di Valle rimaneva là dove c’era la precedente, mentre quella di Monte veniva anticipata più a valle per evitare di sorvolare una piazzetta a ridosso delle vecchie mura di Erice; ciò comportava una lieve rotazione della linea. Il progetto fu approvato, fu sostituita completamente l’infrastruttura precedente e i lavori vennero affidati a un insieme di imprese costituitesi in associazione a tale scopo. I lavori furono ultimati nel giro di 2 anni, finanziati dalla Regione e dalla Provincia di Trapani. La funivia venne inaugurata l’8 luglio del 2005. Secondo dati forniti dal gestore, Funierice, dal 2005 al 2013, i passeggeri trasportati sono stati circa 3,5 milioni.

Viaggiare in funivia

La funivia è sicuramente il miglior mezzo per raggiungere la vetta del monte Erice, comoda e veloce, percorre il tragitto in soli 10 minuti con una bellissima vista panoramica su Trapani e le Isole Egadi. L’impianto è costituito da una telecabina automatica monofune, nella quale i veicoli a 8 posti vengono agganciati automaticamente alla fune portante-traente, chiusa ad anello e dotata di moto continuo unidirezionale. L’impianto è provvisto di illuminazione, per viaggiare anche durante le ore notturne. E’ dotato di cabine predisposte all’imbarco dei disabili e cabine per imbarco biciclette.

Le due aree di parcheggio, a valle e a monte, automatiche e video-sorvegliate sono al servizio esclusivo degli utenti della funivia, pagando un ticket. Si raccomanda vivamente di diffidare dei parcheggiatori abusivi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli relativi

Back to top button
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: