Eventi

La “Costa del Mito” tra antichità e natura”: visite guidate al parco di Selinunte anche a Pasquetta

Un itinerario che parta da Selinunte e arrivi a Gela, si immerga spesso nel mare, ammiri i templi intatti da secoli e secoli. E’ stato presentato in anteprima alla BIT di Milano, un nuovo percorso culturale, Costa del Mito, che percorra il sud della Sicilia, di solito fuori dalle tradizionali rotte turistiche che si fermano ai grandi siti ma fuggono subito dopo la visita.

Selinunte – Foto di Daniele Rosapinta

L’idea è quella di mettere a profitto tutte le forze del territorio e proporre un’unica offerta turistica che attiri i visitatori.  Un progetto che ha trovato subito la piena adesione del parco archeologico di Selinunte che ha organizzato delle visite guidate, tutti i fine settimana di aprile, compreso il giorno di pasquetta.

Due gli itinerari disponibili: “Selinunte highlight”, con inizio previsto alle ore 11.00, che include la Collina Orientale, il Baglio Florio ed il settore dell’Acropoli (a tratti con le navette ecologiche del Parco) e la “Passeggiata tra i templi” della Collina orientale e l’antiquarium del baglio Florio (a partire dalle 11,30).

Selinunte – Foto di Daniele Rosapinta

Il tour “Selinunte highlight” entra nel vivo raggiungendo l’area della Collina Orientale: qui è possibile ammirare e comprendere l’architettura dorica dell’Heraion o Tempio E risalente al V sec a.C., ai resti del Tempio F di metà del sec. VI a.C., dedicato forse a Dioniso, e meravigliarsi per l’imponente campo di macerie di uno tra i più grandi templi greci mai costruiti: il Tempio G, risalente alla metà del secolo VI a.C.

Selinunte – Foto di Daniele Rosapinta

Giunti al vicino Baglio Florio, la guida turistica illustrerà i reperti dell’antiquarium per poi spostarsi verso la Collina dell’Acropoli con le navette ecologiche, attraversando l’antico alveo del fiume Cottone alla cui foce c’era il porto della città. Sarà possibile ammirare i resti di altri quattro templi con colonnato: la parte centrale dell’area è occupata dai templi peripteri C, D, A, O e dagli altari innalzati tra la metà del sec. VI a.C e la metà del secolo successivo. Dall’alto dell’acropoli si potrà scoprire la precisione dell’impianto urbanistico e i diversi rifacimenti delle fortificazioni lungo il perimetro. Terminata l’esperienza, dopo circa due ore e trenta, le navette ricondurranno il visitatore al parcheggio. La visita guidata costa 15 euro, ridotto 12. Minori di 17 anni 6 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli relativi

Back to top button
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: